Logo tripartizione   
 eventi   newsletter Newsletter!  contatti   cerca 
  
 Bibliografia 

 

OO 329 - Liberare l’uomo per ricostruire la società

Autore: Rudolf Steiner
Titolo originale dell'opera: Die Befreiung des Menschenwesens als Grundlage für eine soziale Neugestaltung
Opera Omnia n. 329
Traduzione di Laura Vanelli
Nove conferenze pubbliche tenute fra l’11 marzo e il 10 novembre 1919 a Basilea, Berna e Winterthur
Pubblicato nell'agosto 2021



Avanti

       
   
1. Prima conferenza Berna 11 marzo 1919
  Le vere basi di una Società delle Nazioni nelle forze sociali, giuridiche e spirituali dei popoli
Osservazioni critiche sulle dichiarazioni fatte dagli esponenti politici prima dello scoppio della prima guerra mondiale e sui rapporti sociali che c'erano allora fra i popoli. L'idea di Società delle Nazioni nel discorso in Senato di Wilson del 22 gennaio 1917. Necessità di tener conto del problema del capitale e del lavoro in rapporto all'istituzione di una Società delle Nazioni. Due aspetti della questione del capitale: il rapporto fra l'impiego delle facoltà umane e il capitale e la distinzione fra proprietà e gestione del capitale. Il lavoro come merce nella concezione marxista. Necessità di una triarticolazione dell'organismo sociale. Caratterizzazione dei singoli ambiti sociali e in particolare della vita economica, con al centro la questione della proprietà. Considerazioni attualmente critiche di Herman Grimm sul militarismo.

Dibattito
Considerazioni critiche sulle idee fondamentali del socialismo: la dittatura del proletariato; il problema di 'Ognuno secondo le proprie capacità, ognuno secondo i propri bisogni'; critica ai programmi (di partito). Aspetto presente e futuro della 'triarticolazione'. La questione del militarismo nella formula di Clausewitz. Il 'bolscevismo' di J. G. Fichte.
   
2. Seconda conferenza Berna 17 marzo 1919
  Che senso ha il lavoro del proletario moderno?
Il contrasto fra la dottrina borghese dell'ordinamento morale cosmico e la realtà vissuta dal proletariato. Il proletariato come critica vivente della civiltà moderna, spiegata in base agli effetti della concezione materialistica della storia, della teoria del plusvalore secondo Marx, del lavoro come merce e della lotta di classe. Punti di vista che si annunciano come nuove correnti dietro le esigenze esteriori: primo, il desiderio di una vita spirituale che consenta un'esistenza degna dell'essere umano; secondo, l'esigenza di un ordinamento giuridico in cui la forza lavoro venga liberata dal carattere di merce; terzo, il superamento della lotta di classe per mezzo di nuovi rapporti giuridici. Che cosa lo Stato deve fare o tralasciare. L'idea della triarticolazione e singoli aspetti che descrivono più dettagliatamente la natura dei singoli ambiti.
   
3. Terza conferenza Winterthur 19 marzo 1919
  Le rivendicazioni del proletariato e la loro futura realizzazione pratica
Il movimento proletario come critica vivente della civiltà moderna. Disamina di tre concetti che vivono nel proletariato: la concezione materialistica della storia, la teoria del plusvalore secondo Marx, la teoria della lotta di classe. La natura e il significato di una vita spirituale libera e la necessità di sostituire la forza del privilegio con quella del diritto. Dallo Stato unitario all'organismo sociale triarticolato. I due confini della vita economica. La forza lavoro come fattore principale della formazione dei prezzi. La somma dei mezzi di produzione come controvalore reale del denaro. Il rapporto dei mezzi di produzione con lo Stato giuridico e con la vita spirituale. Le conseguenze del trasferimento dei mezzi di produzione alla proprietà comune.

Conclusione dopo il dibattito
L'idea della triarticolazione come il contrario dell'utopia e in contrasto con il vecchio ordinamento corporativo. L'essere umano come punto in cui si cristallizzano i tre ambiti dell'organismo sociale. La differenza tra proprietà e gestione. Il superamento del pensare in programmi e il superamento delle abitudini.
   
4. Quarta conferenza Basilea, 2 aprile 1919
  Le rivendicazioni del proletariato e la loro futura realizzazione pratica
La frattura tra le classi che hanno dominato fino ad ora e le condizioni dell'epoca. Il proletariato e il suo rapporto con la vita culturale. Il linguaggio dei fatti e i giudizi di esponenti politici di spicco. Le condizioni politiche in Europa sono come un cancro. Tre punti di vista su cui si basano le rivendicazioni proletarie: la teoria del plusvalore; il problema del carattere di merce del lavoro; la lotta di classe. - La tendenza dell'epoca più recente a saldare insieme la vita economica, la vita spirituale e la politica, illustrata sull'esempio dell'Austria. Punti di vista sull'autonomia della vita spirituale, giuridica ed economica. Il problema delle associazioni economiche. La regolamentazione del rapporto di lavoro, della moneta, delle condizioni della proprietà e la circolazione della proprietà nell'organismo sociale triarticolato. La democrazia nello Stato di diritto. L'eliminazione del capitalismo di oggi in rapporto alla liberazione della vita spirituale. Libertà, uguaglianza, fraternità. La chiamata del proletariato alla liberazione dell'umanità.

Conclusione dopo il dibattito
L'idea di terra libera e di denaro libero e il problema della valuta. La funzione sociale del capitale. La necessità di sviluppare una comprensione sociale nelle scuole. La triarticolazione dell'organismo umano come immagine della triarticolazione dell'organismo sociale. Giustizia nella vita sociale e problemi dello Stato giuridico.
   
5. Quinta conferenza Basilea 9 aprile 1919
  Volontà sociale e rivendicazioni proletarie
Il Manifesto comunista e la visione marxista della storia. La questione ideologica e la teoria della lotta di classe. Lo scioglimento dei vecchi rapporti di produzione da parte delle forze produttive. Il modo di pensare proletario-marxista plasmato secondo il punto di partenza concettuale delle scienze naturali e le sue conseguenze per la vita sociale. Tendenze all'unificazione. La visione del mondo proletaria e i suoi nessi con il mondo borghese. La guerra mondiale come conseguenza delle strutture statali. La sterilità di una vita spirituale dipendente dallo Stato, illustrata sull'esempio della Società Goethe e simili. Il risanamento dell'organismo sociale per mezzo dell'articolazione. Il diritto del lavoro e la sua importanza per la formazione dei prezzi. Il problema della socializzazione della proprietà privata. La divisione del lavoro e l'egoismo. L'importanza di una vita spirituale libera per la circolazione del capitale. Spirito o materia? La triarticolazione dell'organismo sociale come manifestazione di qualcosa che in origine era più elevato e la differenza fra la triarticolazione sociale e l'ordinamento corporativo precedente. L'uomo individuale e il suo rapporto con i tre settori dell'organismo sociale. Il coraggio di una nuova volontà sociale.

Conclusione dopo il dibattito
L'uomo vittima di concetti irrigiditi. La circolazione dei mezzi di produzione al posto della nazionalizzazione. L'amore per il prossimo e l'attuale annuncio del Cristo. - La triarticolazione dell'organismo umano e i suoi fondamenti nel libro "Gli enigmi dell'anima".
   
6. Sesta conferenza Berna 14 ottobre 1919
  Il fondamento scientifico-spirituale della questione sociale
Premesse personali. Unilateralità del modo di pensare marxista. L'inaridimento dell'anima del proletario come conseguenza della concezione materialistica del mondo. Il carattere di merce del lavoro. La dittatura del proletariato e il manifesto comunista. La socializzazione dei mezzi di produzione e il problema del plusvalore. I compiti della scienza dello spirito ad orientamento antroposofico. L'estraneità alla vita delle idee sociali invalse fino ad ora. La vita giuridica indipendente dalla vita economica. Rischi delle rivoluzioni politiche e importanza delle rivoluzioni intellettuali. Lenin e Trotsky becchini della civiltà. La liberazione dell'educazione è un compito urgente. La protesta delle generazioni future a seguito della socializzazione dei mezzi di produzione. Le possibilità di realizzazione della triarticolazione in Svizzera. L'interazione di liberalismo, democrazia e socialismo.

Conclusione dopo il dibattito
La differenza fra l'idea della triarticolazione e il vecchio ordinamento corporativo. Parlamentarismo e vita dello Stato. L'inutilità dei programmi sociali. Le leggi dell'organismo sociale. La triarticolazione come esigenza dell'epoca.
   
7. Settima conferenza Basilea 20 ottobre 1919
  La scienza dello spirito (antroposofia) e le condizioni della cultura nel presente e nel futuro
L'edificio di Dornach come espressione di un movimento spirituale. Informazioni sull'euritmia e sul carattere della Filosofia della libertà. Come Woodrow Wilson intende la libertà. La coerenza della sua critica con la visione di Lenin e Trotsky. La questione della libertà e i suoi punti di partenza in Filosofia della libertà. Il passaggio da Filosofia della libertà all'antroposofia. Essere tagliati fuori dal cosmo è il danno più profondo arrecato all'umanità: come superarlo. Vie verso le conoscenze superiori. Tre tipi di rivoluzioni: culturale, politica ed economica. L'inadeguatezza delle opinioni di Saint-Simon, Fourier e Blanc. La critica dell'epoca da parte di Rabindranath Tagore. I compiti della scienza spirituale ad orientamento antroposofico.
   
8. Ottava conferenza Berna 6 novembre 1919
  Lo spirito come guida attraverso il mondo sensibile e quello sovrasensibile
L'idea della pianta archetipica di Goethe. Il rapporto dell'antroposofia con le scienze naturali e con la religione. Il monopolio delle concezioni del mondo da parte delle confessioni religiose. Le scienze naturali nel senso goethiano come punto di partenza per la conoscenza religiosa e per la conoscenza dello spirito. La solitudine dell'uomo moderno. L'idea delle ripetute vite terrene nell'Educazione del genere umano di Lessing. Vita di sogno ed elemento sub-umano. L'ipnosi. Evoluzione dell'umanità e degli uomini. La conoscenza spirituale come base della futura convivenza sociale.
   
9. Nona conferenza Basilea 10 novembre 1919
  Lo spirito come guida attraverso il mondo sensibile e quello sovrasensibile
La scienza dello spirito ad orientamento antroposofico come prosecuzione del modo di pensare delle scienze naturali. L'idea della pianta archetipica di Goethe. L'imposizione delle confessioni religiose come strumento per impedire l'esplorazione dell'anima e dello spirito. L'importanza del lavoro animico interiore nella forma di esercizi di concentrazione e meditazione. La natura della memoria. Gestione consapevole della forza della memoria. Importanza della volontà cosciente. Il rapporto animico-spirituale con l'altro. La conoscenza delle ripetute vite terrene e la sua importanza per la convivenza sociale delle persone. Volontà e brama. Medianicità, ipnosi e spiritismo. Impavidità e capacità di soffrire in relazione al percorso dell'apprendimento interiore. La metodica di Schelling. La modestia intellettuale come prerequisito per la ricerca spirituale. La conoscenza sovrasensibile e la sua importanza per la convivenza sociale delle persone.

Appendice
Dalla risposta ad una domanda, Münchenstein 10 aprile 1919
   
 

Avanti
1. Prima conferenza