Logo tripartizione   
 eventi   newsletter Newsletter!  contatti   cerca 
  
 Bibliografia 

 

Articoli - Saggi


Consumo di capitale, creazione di denaro e formazione delle associazioni economiche
Dalla struttura compositiva de «I capisaldi dell’economia»

di Stephan Eisenhut

04/2018



Sommario

I vecchi conflitti tendono a riapparire in situazioni di tensione. Quindi si riapre, sulla scia degli sforzi in corso per salvare l'Europa, in modo piuttosto nascosto l'antagonismo economico esistente tra Inghilterra e Germania. Qui, lo spirito puramente riorganizzativo non sembra in grado di padroneggiare la situazione. All'interno di questo scenario, Stephan Eisenhut dimostra basandosi su “I capisaldi dell’economia” tenuto 90 anni fa, l'attualità dei pensieri sviluppati in quel momento specificamente per i sistemi monetari e creditizi di oggi. Con la presente egli riattualizza la "via della risoluzione" proposta da Steiner che non è stata pienamente colta in quel momento, consistente innanzitutto nel liberare il pensiero da una capacità troppo limitata e limitata di immaginare la realtà. Questa "risoluzione", che può anche essere vista come una dissoluzione, rappresenta allo stesso tempo l'"apertura" di uno spazio attraverso il quale le Associazioni economiche, di cui spesso si discute all'interno dei circoli che si occupano di Tripartizione sociale, possono essere opportunamente modellate.


La crisi dell’euro, resa più semplice, può essere drasticamente ricondotta alla seguente domanda: i debiti degli europei dovrebbero essere finanziati stampando più soldi, oppure, in modo che la quantità di denaro circolante non cresca eccessivamente, il capitale necessario dovrebbe venir trovato sul libero mercato dei capitali?

Gli investitori della City di Londra o di Wall Street tendono piuttosto alla prima opzione. Lo Stato tedesco preferisce la seconda opzione. Il problema tuttavia è che sempre più paesi della zona euro incontrano difficoltà nel trovare denaro - sui mercati dei capitali - con interessi accettabili. E scegliendo di rinunciare a stampare denaro, quest’ultimo dovrebbe in qualche modo provenire dai mercati dei capitali. Ciò potrebbe accadere tramite obbligazioni in euro o attraverso fondi di salvataggio.

Il vero problema riguardante la crisi dell'euro è visto dagli investitori, così come dai responsabili politici degli Stati dell'UE economicamente forti, non dall'indebitamento stesso, ma dalle attuali strutture decisionali europee. Gli investitori vogliono titoli per i loro investimenti; i decisori politici non vogliono essere ritenuti responsabili per la creazione di debito che non possono controllare. Bisognerebbe quindi costringere gli Stati dell'UE economicamente più deboli a dover ricorrere a un trattato UE maggiormente vincolante, che dovrebbe indirizzare entrambi gli interessi. Parlando concretamente, lo spirito organizzativo guida l'Europa verso uno Stato unitario. Questo stato unitario diventa quindi uno strumento per un'élite finanziaria[1], sul versante della quale si concentrano le attività finanziarie, elite che, come se fosse guidata da demoni, cerca di aumentare la loro ricchezza in misura sempre crescente.

"Il settore finanziario", così scrive il professore americano di economia Michael Hudson in un giornale di Francoforte, "è arrivato a una nuova forma di guerra - apparentemente meno sanguinosa, ma con gli stessi obiettivi identici a quelli delle invasioni vichinghe di più di un mille anni fa o a quelli delle potenze coloniali europee, che si appropriavano della terra e delle risorse naturali, delle infrastrutture e di altre profittevoli fonti di reddito.[2] " Per questo problema, come soluzione, non viene elaborato nulla di particolare, se non una sorta di nazionalizzazione dell'offerta di moneta. Lo spirito organizzativo non può di per sé fornire una soluzione per tali problemi.

Nelle precedenti considerazioni è stato mostrato, come Rudolf Steiner abbia sviluppato nella quarta lezione del Corso di Economia una visione interiore del processo di formazione del capitale, mentre nella prima lezione tratta ancora la problematica economica da una prospettiva esterna. Durante la costruzione dell'edificio compositivo delle quattordici lezioni, ciò che viene esposto si muove all'interno della tensione tra salute e malattia. Così è nella prima conferenza, in cui la prima guerra mondiale è caratterizzata da un tipo di pensiero, che si esaurisce in considerazioni puramente esterne, astratte e intellettuali e che proprio per questo fatto non è in grado di produrre una vera visione realizzabile di un processo economico mondiale. Nella quarta conferenza viene posta la domanda sulla sana modellazione del processo socio-economico, in merito alla giusta relazione tra la capacità del capitale di dividere il lavoro e il carico di lavoro materiale necessario per soddisfare le esigenze di consumo esistenti.

Questa terza considerazione attuale è specificamente dedicata alla quinta lezione del corso di economia. Qui Rudolf Steiner pone la domanda sul giusto consumo del valore. Proprio come in un organismo umano sano, le sostanze nutritizie devono venir esaurite altrimenti questo organismo si ammala quando tali sostanze iniziano ad essere immagazzinate da qualche parte; allo stesso modo anche negli organismi socioeconomici la produzione di valore deve essere seguita dal consumo di valore. I processi socioeconomici non dovrebbero quindi essere considerati soltanto dal punto di vista della creazione di valore, ma si dovrebbe anche sviluppare una reale considerazione per il consumo di valori.

Creazione di valore

Riguardo alla creazione di valore, Rudolf Steiner ne ha descritto tre forme: "i valori [...] si formano dall'applicare il lavoro alla natura, poi lo spirito al lavoro, e finalmente lo spirito al capitale; tutto ciò è un movimento progrediente”[3]. Un tale movimento di creazione del valore viene arrestato quando le esigenze dei consumatori vi si oppongono. I consumatori vogliono naturalmente consumare valori, e, proprio per questo, il consumatore si mette di fronte al movimento di creazione del valore e si genera così una nuova forma di sviluppo del valore (attraverso la creazione della domanda). Rudolf Steiner lo chiama, in riferimento alla rappresentazione della teoria dell'energia potenziale in fisica, il valore che crea tensione. Attraverso richieste insoddisfatte, si crea un'energia di tensione - paragonabile alla tensione che si produce quando una palla giace su una superficie inclinata mentre viene trattenuta da un cuneo. Tale tensione genera una nuova forma di valore, attraverso il fatto che con ciò viene dato significato al movimento di creazione di valore. Se è possibile creare all'interno della vita economica un organo, attraverso il quale tali rapporti di tensione possano essere adeguatamente valutati, la sovra-produzione e il suo spreco di forza lavoro e delle risorse naturali potrebbero essere ampiamente evitate. Nel processo economico mondiale il produttore è in gran parte dipendente dalle sue produzioni che sono anche necessarie. La tensione prodotta dalla domanda è la base per produrre, mentre questo porta ad un doppio guadagno: il guadagno da parte dei consumatori, che possono soddisfare il proprio bisogno di prodotti, e il guadagno da parte del produttore, che può soddisfare il proprio bisogno di reddito.[4]

 Il fatto che Steiner metta all'inizio della quinta conferenza l'aspetto della domanda che conduce al valore che crea tensione, ha a che fare con la posizione particolare che questa lezione assume nella costruzione generale. Mentre la quarta conferenza getta lo sguardo sull'attività dello spirito umano, anche la quinta conferenza dirige l'attenzione sull'attività del desiderio e della domanda effettiva. Finché il desiderio umano si intreccia in un contesto generale, esso costituirà la base per lo sviluppo umano. Solo quando il desiderio umano si allenta da queste interrelazioni e la domanda diventa indipendente da queste, diventa una forza inibitoria e malata.

Steiner non applica il pensiero della "tensione che crea valore" unicamente al consumo di beni, ma anche al capitale monetario. Abbiamo descritto nella prima di queste considerazioni come lo spirito organizzativo umano divida il lavoro soprattutto perché questo spirito inventa mezzi tecnici che lo favoriscono e che, applicati massicciamente, creano modi molto più efficienti di produrre. Attraverso questo processo, da un lato, appare il vero capitale (mezzi di produzione) e dall'altro il capitale monetario. Il capitale monetario è, in realtà, la quantità eccedente che rimane quando tutti coloro che hanno partecipato alla produzione dei beni si trovano in una posizione tale da essere essi stessi in grado di soddisfare di conseguenza i propri bisogni, fino a quando non avranno realizzato un'altra prestazione produttiva corrispondente[5]. Quando il capitale monetario non è solamente il risultato di ciò che un prende all’altro, allora esso diventa di fatto un'immagine per uno spazio sociale libero. Questo perché meno lavoro deve essere fatto per soddisfare le esigenze esistenti. Questo spazio libero può essere utilizzato solamente per sviluppare ulteriormente il potenziale produttivo di un'economia nazionale. Potrebbe tuttavia essere usato per soddisfare bisogni puramente spirituali e non fisici. Quando il potenziale produttivo di un'economia nazionale non è molto sviluppato, il capitale monetario ha un valore molto alto quando viene prestato a qualcuno che guida ulteriormente lo sviluppo economico. Una persona del genere farà in modo che il valore si amplifichi ulteriormente, in modo da risparmiare ancora più lavoro e generare ulteriore surplus.

Creazione di valore

Ora, è possibile immaginare un ulteriore passaggio, in cui queste eccedenze non possono essere gestite dalle singole imprese. Questo porta le istituzioni (banche commerciali) ad entrare in scena, a raccogliere il capitale monetario e a prestarlo a coloro che hanno ancora nuove idee, per sviluppare ulteriormente il potenziale di produzione. È immediato capire che un tale movimento di creazione di valore non può continuare all’infinito. Tanto più si sviluppa il potenziale produttivo, tanto più cresce il surplus. Allo stesso tempo, le reali possibilità di sviluppare ulteriormente il potenziale di produzione, diminuiscono sempre più. Ovviamente sarebbe possibile ricorrere allo sviluppo di sempre nuovi tipi di prodotti e ad adeguati metodi di marketing per assicurarsi che tali nuovi prodotti trovino un mercato; ma col tempo anche questa possibilità di rivalutare il capitale si esaurirà. Steiner menziona all'interno dei seminari concomitanti al corso di economia che "il denaro non avrà un valore di acquisto inferiore ma un valore inferiore per qualsiasi uso organizzativo"[6]. Questo potere di sfruttamento del capitale diminuisce con il crescere del livello di sviluppo di un'economia nazionale. La diminuzione del potere di sfruttamento si riflette nella differenziazione del potenziale produttivo.

Il capitale tende a richiamare sempre nuovi settori industriali per svolgere una qualche funzione speciale all'interno di un'economia basata sulla divisione del lavoro. Nella misura in cui tali settori industriali servono solo a creare e soddisfare "esigenze immaginarie", il processo diventa patologico. Cosa succede, tuttavia, quando il processo produttivo non può più assorbire il capitale in eccesso mentre nient'altro si confronta con un capitale simile che dovrebbe apportare la tensione necessaria?

Ora è consuetudine dall'antichità, che il mutuatario debba al mutuante un deposito come garanzia. La parola "hypothek" (ipoteca) deriva dal greco ὑποθήκη = "pegno". Nella giurisprudenza romana, il pegno o l'ipoteca sono stati fin dall’inizio una consuetudine. In ragione dell'esperienza della inaffidabilità delle persone, è del tutto comprensibile che il creditore si doti di mezzi legali, garantendosi in tal modo un controvalore, nel caso in cui il debitore non possa permettersi di rimborsare il proprio debito.

Poiché la proprietà terriera o immobiliare è sempre stata di grande valore, negli ultimi tempi sono state create le migliori condizioni giuridiche possibili per la loro ipoteca.

Nella moderna vita economica basata sulla divisione del lavoro appare un problema precedentemente sconosciuto: il capitale, che è disponibile, a causa dei processi sopra descritti, risulta disponibile in eccesso. A ciò si aggiunge il fatto che ogni singolo proprietario di capitale cerca in genere di aumentarlo attraverso adeguati investimenti. Mentre tuttavia la capacità di rivalutazione del capitale risulta esaurita, non si offre nessuna vera opportunità di investimento economico sensato. Nelle economie sviluppate, il suolo e la terra diventano quindi mezzi di conservazione del valore fittizi. Questo non solo soddisfa i requisiti di credito delle banche in modo eccessivo, ma allo stesso tempo apre nuove opportunità di business. La terra e il suolo possono assumere un valore monetario, mentre attraverso l'elaborazione dei diritti di proprietà sono diventati "commerciabili"[7].

L'eccesso di capitale monetario viene quindi utilizzato per spingere i prezzi verso l'alto per tali attività finanziarie. Il capitale si accumula nella terra. Non torna alla Natura, ma si connette falsamente con essa. Nella misura in cui il capitale si allontana dalla produzione economica reale, si insinua la cosiddetta industria finanziaria, la cui unica preoccupazione è quella di dirigere le attività dei propri clienti verso investimenti sempre più "sicuri" o "redditizi", e che poi si specializzano ulteriormente nel creare forme di investimento sempre più sofisticate e creative. Viene fatta una distinzione tra le forme di investimento come depositi a risparmio o titoli (azioni, certificati, titoli di stato) e valori patrimoniali, come ad esempio proprietà. Quest’ultime vengono mantenute piuttosto a lungo termine a causa delle maggiori spese di acquisizione o dismissione. Nel caso dei valori patrimoniali, i profitti possono essere raggiunti esclusivamente mediante aumenti di valore, mentre per titoli e depositi a risparmio il fattore decisivo è il tasso di interesse.

Creazione di valore

Lo sviluppo del percorso intrapreso dal capitale, come si è sopra mostrato, non è un processo storico ma un processo di pensiero. Storicamente, lo sviluppo non è stato semplicemente realizzato in modo tale che attraverso la capacità d’innovazione si sia formato il capitale reale e che su questa base sarebbe sorta l'industrializzazione, ma la base di capitale per i grandi progetti industriali è stata piuttosto creata per mezzo di potenti appropriazioni.

Così, le condizioni dell'industrializzazione inglese furono stabilite nel 1757 dalla battaglia di Plassey, con la quale gli inglesi ottennero la supremazia sul Bengala (ora Bangladesh e una sub-regione dell'India), che era diventata prospera grazie alla sua lavorazione del cotone. Secondo lo storico americano Brooks Adams (1848-1927), il saccheggio indiano pose la base di capitale per l'"avventuriero commerciale" che, con la sua elevata esposizione al rischio, rese possibile che invenzioni come la macchina a vapore maturassero tecnicamente, così che divenne possibile una produzione industriale redditizia.

Molte invenzioni erano rimaste spesso inutilizzate per centinaia d’anni a causa della mancanza di energia altrimenti fornita dal capitale attraverso il quale potevano essere rimesse in uso.[8]

Adams ha sottolineato un profondo ed interessante cambiamento che ebbe luogo tra il 1810 e il 1815. Fino ad allora, le sue osservazioni furono condotte sul dominio della classe capitalista, il tipo del capitalista, che, attraverso l'uso del capitale, aveva reso le invenzioni feconde per l’economia reale. Ora, tuttavia, la ricchezza che era stata così recentemente conquistata aveva vinto tutte le forme di potere. Attraverso questa ricchezza "... un nuovo tipo è salito al potere: il moderno banchiere"[9].

Per questo tipo, era solo questione di fare soldi per mezzo del denaro stesso, senza riguardo per lo sviluppo dell'economia reale. Banchieri influenti presero il controllo della massa monetaria. Attraverso la scarsità o l'espansione di questa, riuscirono a stabilire condizioni che essi stessi erano particolarmente capaci di sfruttare. Adams mostra magnificamente come collegando la gestione del denaro con il business del credito, un elemento manipolativo entra nella vita economica, che oggi è ancora efficace in una forma trasformata e che dà ai gruppi influenti l'opportunità di creare condizioni che servano ai loro interessi.[10]

Ma la massa monetaria e il problema della creazione di denaro non devono essere analizzati qui in termini storici, ma solo seguiti attentamente e analizzati nei loro movimenti fondamentali. Qual è il significato per i mercati delle materie prime quando si utilizza sempre più denaro per acquisire diritti di proprietà e non beni tangibili? Se il denaro nuovo non viene sempre messo in circolazione, il denaro disponibile per l'acquisto di beni diventa scarso.

Creazione di valore

I prezzi delle merci diminuiscono e il reddito dei produttori diminuisce di conseguenza. La situazione economica è in stallo e si crea disoccupazione. Nel ventesimo secolo, è ora apparsa un'idea "grandiosa". Se l'economia fallisce a causa di una mancanza di domanda, lo Stato deve indebitarsi esso stesso e con ciò sviluppare una domanda aggiuntiva. I produttori sono quindi in grado di vendere di nuovo i loro prodotti a prezzi ragionevoli e l'economia riprende a funzionare.

L'unico problema è che lo Stato sta accumulando una montagna di debiti. Ma i debiti del governo, così si pensava, sono solamente entrate fiscali rinviate nel futuro, e quando l'economia cresce di nuovo, allo Stato verranno versate più tasse che si potranno utilizzare per estinguere i suoi debiti. Questo calcolo non è mai stato ritenuto veritiero. Non può essere vero perché nei moderni sistemi monetari l'offerta di moneta all'economia è collegata all'emissione del credito[11].

In un siffatto regime monetario, i politici sono quasi costretti a continuare il processo di indebitamento. Tale rimborso del debito è anche controbilanciato dagli interessi di rivalutazione del capitale degli investitori. Dopo tutto, i titoli di stato, in particolare quelli delle principali nazioni industrializzate, fino a poco tempo fa erano considerati particolarmente sicuri. Si possono investire lì i soldi senza preoccupazioni. Le obbligazioni sovrane sono state particolarmente convenienti per le banche di credito, in quanto queste sono state principalmente pagate dai fondi scritturali creati nel settore bancario. Al momento dell'acquisto di un nuovo titolo di stato emesso da una banca, la banca scrive semplicemente un credito sul conto corrente dello Stato.

Ciò si traduce in un debito sul lato delle passività del bilancio bancario e di un credito nei confronti dello Stato sul lato delle attività. Tale estensione del bilancio non richiede che i depositanti investano lo stesso importo presso la banca. Ciò sarebbe necessario solo se attraverso le erogazioni di contante fossero richieste troppe liquidità dal settore bancario e le possibilità di rifinanziamento presso le banche centrali fossero fortemente limitate. Guardando indietro allo scorso decennio, diventa chiaro che è stato generalmente molto facile per il settore bancario rifinanziarsi con le banche centrali. Inoltre, il settore bancario sperimenta una minore liquidità in uscita, poiché sempre più pagamenti avvengono senza contanti[12]. A tale riguardo, le banche sono state in grado di espandere le loro posizioni in titoli di stato quasi a volontà, senza dover limitare le attività di prestito in altre aree[13]. Nel caso avessero avuto bisogno di moneta dalla banca centrale in tempi stretti, i titoli di stato venivano accettati come garanzia presso la banca centrale[14]. I critici del flusso di cassa netto delle banche sono quindi del parere che sarebbe meglio per la banca centrale finanziare direttamente il debito pubblico invece di deviare attraverso le banche, poiché non si capisce perché lo Stato debba pagare interessi su denaro che le banche creano semplicemente dal nulla[15].

Come conseguenza del debito, sempre più denaro sta entrando in circolazione. Tuttavia, le banche centrali dei paesi industrializzati non hanno dovuto temere, per almeno tre ragioni, che questo denaro supplementare non avrebbe inflazionato i prezzi dei beni di consumo: 1. Se i prezzi sarebbero stati controllati attraverso una forte concorrenza e una massimizzata capacità produttiva, 2. se i paesi industriali occidentali avrebbero potuto acquistare beni importati, principalmente dall'Asia, a basso costo, e 3. se il valore delle attività in aumento avrebbe potuto assorbire la liquidità aggiuntiva. La speculazione sulla crescita delle attività è quindi un'importante area di business del settore finanziario, che a sua volta assicura che questi mercati siano molto volatili. In questo modo, l'economia reale (l'ellisse rossa nella figura 4) è sempre più sovraccaricata e danneggiata dall'economia finanziaria (bolla blu in figura 4).

Nell'attuale sistema monetario, in cui il denaro è creato dal credito, il denaro non riflette la capacità di produzione economica, ma le effettive relazioni giuridiche e di potere. Dopotutto, il credito è concesso solo a coloro che possono impegnare garanzie, e solo in casi eccezionali alla persona che ha idee significative e le capacità di attuarle viene concesso del capitale non garantito. Dal punto di vista dell'investitore, non c'è davvero differenza tra beni tangibili e denaro. I beni materiali sono quindi solo denaro in una forma meno liquida, cioè un sostituto monetario o una forma di stoccaggio del valore monetario. Se il denaro viene creato in questa forma applicando i diritti, esso viene quindi separato dalla vera realtà economica invece di collegarlo con essa.

Rudolf Steiner, nella sua quinta conferenza, fa riferimento a questo mondo illusorio creato in tal modo: "Economicamente non vi è alcuna differenza sostanziale tra lo spendere del denaro non fondato sopra una realtà, ma dovuto a un semplice aumento delle banconote in circolazione, e l'attribuire un valore di capitale alle terre. In ambedue i casi io creo dei valori apparenti."[16] Ma poiché entrambi sono ancora prassi comune, è emersa un'economia mondiale, caratterizzata da paura e avidità nelle principali forze motrici dell'uomo.

È interessante notare che Rudolf Steiner rende chiaro il problema della moderna gestione del denaro, basato sul contrasto tra credito garantito e credito non garantito. Così riesce a condensare tutta una serie di aspetti dello sviluppo della moderna gestione del denaro con poche frasi. Con l'analisi del prestito garantito, che viene concesso a fronte di una garanzia materiale, egli sottolinea i problemi dei moderni diritti di proprietà e la loro connessione con il sistema monetario. Qui il passato continua ad essere presente, in cui l'uomo deve prima imparare a connettersi con il mondo esterno e in cui la legge materiale esterna è più decisiva, rispetto all'individualità umana ancora molto più nascosta con le sue capacità personali spesso ancora più celate. Mentre Steiner confronta prestiti garantiti con prestiti non garantiti, che vengono concessi esclusivamente sulla base del buon rating personale del debitore, egli guarda al futuro: i talenti e le capacità di una singola persona, che dovrebbe essere sempre più l'unica vera ragione per cui in un organismo economico mondiale concedere crediti è più redditizio. Basare il credito sulle garanzie non può che trascinare l'economia moderna, ad alta intensità di lavoro, nell'abisso, mentre basarlo sulle capacità individuali corrisponde ad indirizzare le effettive forze costruttive nell'organismo sociale. Tuttavia, là dove nella vita sociale si stanno considerando dei singoli esseri umani con le loro particolari capacità, Rudolf Steiner parla di una vita spirituale. Le istituzioni che gestiranno in futuro il capitale monetario, egli le immagina quindi come istituzioni della vita spirituale e non della vita economica[17].

Un altro aspetto, che Steiner sta mettendo sotto i riflettori con questo tipo di contrasto, è quello di "denaro a basso costo". Se viene concesso un prestito garantito e il tasso di interesse della banca centrale è molto basso, gli asset come gli immobili e le azioni aumentano di valore. Questo perché le banche possono facilmente procurarsi liquidità e quindi estendere i loro prestiti. L'attuale crisi è stata influenzata in modo decisivo da una politica di denaro a basso costo. E l'approccio alla soluzione che oggi viene e sarà applicata dall'industria finanziaria è di mantenere il denaro a buon mercato con l'aumento permanente dell'offerta di moneta[18]. Ma questo serve solamente per gli interessi di coloro che vogliono mantenere gli asset che hanno accumulato fino ad importi incredibili. La maggior parte di queste attività è detenuta globalmente da un piccolo gruppo di persone strettamente legate al settore finanziario[19].

Il modo in cui il sistema monetario a due livelli è gestito attraverso le banche centrali (creazione di note di credito) e le banche di credito (generazione di moneta scritturale) corrisponde nella sua forma a ciò che è assolutamente necessario per le istituzioni della vita spirituale. Ciò in quanto sarebbe nella natura di tali istituzioni affrontare i bisogni individuali di specifici gruppi di persone. La vita spirituale istituzionalizzata, tuttavia, diventa una forza dannosa quando sviluppa tecniche attraverso le quali può arricchirsi a spese degli altri. Per Rudolf Steiner, quindi, la gestione del denaro non è né un compito della vita intellettuale né della vita del diritto, ma appartiene alla vita economica[20]. Questo, naturalmente, non significa che la stessa gestione del denaro debba diventare un'organizzazione economica privata. Le istituzioni della vita economica sono principalmente interessate ai processi di produzione, distribuzione e consumo. La gestione del denaro deve quindi garantire che i processi monetari riflettano correttamente i movimenti di beni e servizi. Questo è possibile solo quando si formano gli organi, - Rudolf Steiner li chiama "associazioni" - che possono valutare le capacità di produzione economica sul terreno.

Alla fine della quinta conferenza, mentre Steiner descrive i compiti delle associazioni, in qualche modo inaspettatamente si trova un'osservazione critica nei confronti della teoria del denaro libero di Silvio Gesell (1862-1930). Allo stesso tempo, le idee di Gesell sembrano essere molto vicine all'approccio di Steiner. Infatti Gesell indubbiamente cercò modi per prevenire la speculazione fondiaria e sviluppò una moneta a scadenza. Il problema che Steiner vuole chiarire, tuttavia, non sta principalmente nel contenuto, ma nel modo di pensare. Quando, come nel caso della teoria del denaro libero, il valore nominale di una banconota circolante viene a ridursi solamente per mezzo di una misura tecnica ed organizzativa, allora viene utilizzato un tipo di pensiero che può confrontarsi con la realtà solamente in modo esteriore. Tuttavia, tale modi di pensare può solo cercare di curare i sintomi. Manca la capacità di intervenire nella realtà. Non c'è nulla che possa essere fatto contro queste forze, che oggi dominano il mondo attraverso i mercati finanziari, con simili "buone" misure tecniche.

La misura tecnica può essere sempre solamente il punto finale di un processo di cambiamento, ma non l'inizio. La preoccupazione di Steiner riguarda quindi il fatto che si impari a sviluppare un nuovo approccio alla realtà attraverso un cambiamento nel modo di pensare. Quest’ultimo, invece di essere semplicemente esteriore, può sviluppare l'abilità di immergersi nella realtà per sperimentarla. Egli era confidente del fatto che, non appena un numero sufficientemente grande di persone avesse sviluppato questo nuovo modo di pensare, si sarebbe creata una forza in grado di frenare le forze sopra descritte che agiscono sulla base del pessimismo di gruppo. Solamente avendo tutto questo sullo sfondo, egli può parlare per la prima volta delle associazioni alla fine della quinta conferenza.

Nelle associazioni, i consumatori, i commercianti e i produttori di un'area economica si raggruppano per discutere l’andamento dei prezzi. Un prezzo troppo alto indica che si è prodotto troppo poco di una certa merce, il che allo stesso tempo porta a una formazione di capitale troppo alta; al contrario, un prezzo troppo basso indica sovrapproduzione e basso reddito. Di conseguenza, le associazioni devono assicurarsi che il lavoro venga diretto, in modo tale, che passi dai rami dell'economia che producono troppo, a quelli in cui la produzione deve essere aumentata[21].

Un operatore economico uso solamente a gestire bene i processi economici deve poter credere che, dal suo punto di vista, l'idea di un tale controllo economico sembri lontana dalla realtà. Mentre la solita esperienza è, naturalmente, che quando le persone si uniscono in base alle loro motivazioni professionali soggettive, o uniscono le forze contro il pubblico in generale (formazione di cartelli), o, se vogliono davvero fare qualcosa insieme nel senso del bene pubblico, falliscono per le loro inadeguatezze umane.

Nella seconda sequenza di questa serie, abbiamo dimostrato come Steiner voglia guidare gradualmente i suoi ascoltatori o lettori, per come sono costruite le conferenze stesse, da una visione esteriore ad una considerazione puramente interiore. In questo modo, il pensare, quando è possibile sviluppare la corrispondente attività interiore, può combinarsi con la realtà spirituale indipendente e reale. La quarta conferenza è un'immagine per una tale connessione. Perché, invece, nella quinta conferenza Steiner può parlare in modo tanto evidente di associazioni? Come se fosse facile per le persone semplicemente unire le forze per monitorare e suggerire l’andamento dei prezzi e, su questa base, dirigere il lavoro verso i rami giusti dell'economia? In verità, solo perché presume che questi organi della vita economica inizino a formarsi nel momento in cui si rafforza una vita intellettuale/spirituale, che a sua volta si fonda sull'ulteriore sviluppo del pensiero da lui suggerito.

Se il pensiero non è ulteriormente sviluppato in questa direzione, allora rimane solamente il tipo di pensiero organizzativo. Se si cerca di organizzare le associazioni con il consueto modo di pensare, allora sorgono delle resistenze, perché giustamente alle persone ripugna di lasciarsi organizzare dall'esterno. In questo senso Rudolf Steiner una volta disse: "La vita associativa non è intesa come una organizzazione. (...) La parola organizzazione [agisce su di me] come qualcosa di terribile. Perché organizzazione significa: determinare qualcosa dall'alto, costituire dall'alto, stabilire da un centro. La vita economica questo davvero non lo può tollerare"[22]. Una cosa che non può essere organizzata dall'esterno può essere formata solo se sono presenti le condizioni corrispondenti. Queste condizioni sono di natura spirituale. La pratica reale nel senso di Steiner avviene solo creando le condizioni in cui lo spirito può agire come una realtà coesa, come una forza sana. Questo è il segreto dell'associazione.

Se un tale rafforzamento della vita spirituale non può essere raggiunto, allora le soluzioni politiche prevarranno. In effetti, l'Europa centrale difficilmente riuscirà a reggere il confronto con l'Occidente. L'Occidente si fonda sulla sua capacità di valutare e utilizzare le condizioni dello spazio esterno con certezza istintiva. I mitteleuropei si basano semplicemente sui loro principi legali e di politica monetaria[23]. Perché i "procacciatori di capitali" della City chiedono al loro portavoce, David Cameron, l'introduzione di una "pesante uso del bazooka... per convincere i mercati dei capitali della necessaria potenza di fuoco della zona euro nella lotta contro la speculazione."? [24] Perché vogliono che la BCE, in caso di dubbio, acquisti i titoli di stato dei paesi UE insolventi in misura ancora maggiore che in passato? Perché così possono giocare, con il denaro creato in sovrappiù, il gioco degli asset ulteriormente accresciuti. Perché il governo Merkel, con tutta la sua forza, rifiuta di fornire al Fondo di salvataggio una licenza bancaria? Perché il Fondo di salvataggio sarà coinvolto nella creazione monetaria del sistema bancario. In linea di principio è davvero giusto che il governo Merkel si opponga ad una massa di denaro in continua espansione. Ma fintanto che la Germania stessa non vede, che i suoi stessi aumenti di capitale monetario, che sono basati su risultati reali, vengono anche consumati in modo appropriato, l'Occidente troverà mezzi e modi per appropriarsi, attraverso conquiste pretestuose, di questi beni. Tuttavia, per il corretto consumo di capitale monetario, è necessario che una forte vita intellettuale produca una tensione generatrice di alto valore. Perché solo allora il capitale può trovare la sua strada verso coloro che sono veramente intellettualmente e spiritualmente produttivi.

Note:

[1] Che l'Inghilterra, durante gli sforzi coordinati per salvare l'Euro, abbia posto un veto, non significa che gli investitori della City non abbiano alcun interesse in uno Stato europeo unificato. Integrarsi nello Stato unitario europeo, tuttavia, contraddirebbe profondamente il carattere del popolo inglese. Quando l'Europa continentale provvede a questa integrazione, ciò è negli interessi inglesi - quando l'Inghilterra trova modi e mezzi per influenzare le decisioni politiche verso i propri interessi.

[2] Michael Hudson: Der Krieg der Banken gegen das Volk (La guerra delle banche contro le persone), in: Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung, 4.12.2011 (Nr. 48), S. 28

[3] Rudolf Steiner: “I capisaldi dell’economia” (1922; OO 340), da ora in poi: WE, Quinta conferenza.

[4] Vedi “I capisaldi dell’economia”, Decima conferenza, p. 136: "Si ha così il singolare fenomeno d'uno scambio fra due contraenti, ognuno dei quali (almeno nelle compra-vendite normali) deve realmente trarre un guadagno. Osservare tutto ciò nell'economia pratica è assai più importante di quanto non si creda di solito. Supponiamo ch'io venda qualcosa e ne riceva in cambio del denaro; in tal caso devo guadagnare per il fatto di cedere la mia merce e riceverne in cambio il denaro. Io desidero il denaro più della merce. Invece l'acquirente deve desiderare la merce più del denaro.".

[5] Ovvero la "formula del giusto prezzo", che Rudolf Steiner sviluppa nella sesta conferenza de “I capisaldi”.

[6] Rudolf Steiner: “Seminario di economia. Materiale di studio per le scienze sociali” (1922, OO 341), Editrice Antroposofica, 1982 p. 79 (Sesta conversazione): "In un reale movimento economico il denaro non avrebbe una minore capacità di acquisto, ma una minore possibilità di utilizzo per tutti gli organismi."

[7] Rudolf Steiner indica la differenza tra la legislazione inglese sui mutui e quella dei paesi dell'Europa centrale (WE, 76 nella versione tedesca). Fino alla riforma della Property Act del 1925 e della Land Registration Act 1925, la legge sulla proprietà immobiliare era ancora strutturata in modo tale che il capitale non poteva aumentare il valore dei terreni a volontà. Fino ad allora, la cessione di terreni era resa difficile dal fatto che i diritti d'uso potevano essere trasferiti a più persone (proprietà legali) e tutte queste persone dovevano acconsentire alla cessione. Inoltre, la commerciabilità degli immobili era ulteriormente limitata dal fatto che i rapporti giuridici riguardanti una data proprietà non potevano essere identificati in un pubblico registro (cfr. Carsten Hofmann: Mortgage and Charge: Design Options in English Credit Insurance Law , Berlino 2002, p. 31 seg.).

[8] Vedi. Brooks Adams: "Das Gesetz der Zivilisation und des Verfalls". Traduzione Wien/Leipzig 1907, p. 378f.

[9] Op. cit.

[10] Vedi anche Rudolf Steiner: Idee sociali – realtà sociale – prassi sociale, Istituto per la Tripartizione, 2015 (OO 337a), p. 146 e segg. und p. 274 e segg. Steiner si riferisce a Brooks Adams in entrambi i punti senza menzionarlo.

[11] La tecnica della creazione dell'offerta di moneta delle banche di credito e la creazione di banconote delle banconote sono state ampiamente esaminate da me in: "The Double Source of Money";- Prima parte, Die Drei 1/2009, p. 19 ss.

[12] Poiché le banche regolano normalmente le loro posizioni di liquidità attraverso il mercato interbancario, il sistema di trasferimento di denaro può essere considerato come un unico sistema. Se il mercato interbancario si interrompe a causa di una crisi di fiducia, la possibilità di generare denaro viene improvvisamente ridotta. Tuttavia, questo è solitamente compensato dalla creazione di banconote ("alluvione dei mercati monetari").

[13] I titoli di stato non dovevano ancora essere depositati con capitale azionario, in quanto si supponeva fossero a prova di fallimento!

[14] Ciò avviene generalmente tramite accordi di riacquisto sicuri. Le banche centrali acquistano i titoli di stato dalle banche di credito e organizzano una data di riacquisto. Con una politica monetaria più lasca, la banca di credito può quasi sempre convertire il debito pubblico in liquidità.

[15] Vedi Joseph Huber: "Monetary Monetarization", Marburg 2010, p. 86. Huber calcola un guadagno netto bancario per le banche nel 2008 di 1623 miliardi di euro.

[16] Vedi “I capisaldi dell’economia”, p. 72, Quinta conferenza.

[17] Vedi. Rudolf Steiner: "La questione sociale: un problema di consapevolezza" (1919; OO 189), Editrice Antroposofica 1992-2017, p. 129ff.

[18] Si veda ad esempio il commento del corrispondente londinese della Frankfurter Allgemeine Zeitung del 2.12.2011, S. 11: Notrufe der City.

[19] In uno studio condotto da ricercatori dell'Istituto federale svizzero di tecnologia di Zurigo, è stato recentemente dimostrato che un'elevata concentrazione di potere in una élite molto piccola è stata creata da investimenti reciproci di gruppi internazionali. Pertanto, un gruppo centrale altamente interconnesso composto da 147 società controllerebbe quasi il 40% del mercato mondiale. "La piccola rete", ha commentato uno degli autori in un'intervista, "consiste quasi esclusivamente di banche e di partecipazioni finanziarie britanniche e americane". Vedi Stefania Vitali, James B. Glattfelder, Stefano Battiston: “The network of global corporate control”, https://arxiv.org/pdf/1107.5728 e James Glattfelder in un'intervista con il giornale di Basilea del 29.10.2011: http://bazonline.ch/wissen/natur/Too-connected-to-fail/story/21929302

[20] Op. cit.

[21] Vedi “I capisaldi dell’economia”, p. 78 seguenti.

[22] Rudolf Steiner: “Metodi di educazione e istruzione su basi antroposofiche”, (1921, OO 304).

[23] Per molte persone è strano, quando si parla troppo generalmente di "Occidente" o di "Europa centrale". Tuttavia, ciò che si intende qui è una formulazione piuttosto diversa di tali nozioni. Essa è qui giustificata quando si considera come ciò che in questo caso è inteso come una realtà naturalmente condizionata, cioè le caratteristiche esterne di un certo gruppo di persone, riceve una forma spesso troppo astratta nella vita politica ed economica, un'astrazione in cui il funzionamento infinitamente vario e complesso dei diversi individui non può esprimere pienamente il proprio potenziale. Se il contrasto tra Inghilterra e Germania venisse considerato nella prospettiva di ciascuna di queste realtà culturali e delle loro forze produttive intellettuali, diverrebbe chiaro come molte di queste forme di vita spirituale libera prodotte tramite le diverse disposizioni esteriori delle persone, possano essere complementari e migliorarsi reciprocamente, quando sono giustamente comprese e sviluppate in modo corrispondente.

[24] http://www.stern.de/politik/ausland/britischerpremier-trifft-sarkozy-cameron-fordert-bazooka-einsatzgegen-krise-1758199.html